Ai sensi dei Regolamenti CE del cosiddetto “Pacchetto Igiene” e in particolare dei Regg. (CE) nn. 178/02, 852/04 e 882/04 e agli effetti della vigilanza igienica si ammettono due qualità di ghiaccio: “alimentare” e “NON alimentare”.

Il ghiaccio alimentare è quello preparato con acqua giudicata potabile dall’Ufficiale Sanitario e che alla fusione si riduce in acqua egualmente potabile.

Il ghiaccio che non risponde a siffatte condizioni viene compreso sotto la denominazione di ghiaccio “NON alimentare” o ghiaccio “NON commestibile“.

Tuttavia, si è riscontrato che spesso bar, discoteche, ristoranti, alimentari e operatori del settore turistico-ricettivo in generale producano ghiaccio che nel 90% dei casi non rientra nella definizione di ghiaccio alimentare come sopra riportato.

L’uso lecito di tale ghiaccio è consentito solo se esso viene utilizzato per raffreddare cibi o bevande, ma senza che questo venga mai a contatto diretto con gli stessi. è infatti del tutto vietato e dunque illecito, proprio perchè potenzialmente pericoloso per la salute, l’utilizzo di tale ghiaccio non alimentare attraverso il contatto diretto di alimenti per la sua conservazione (ad. es. per il pesce) o per la preparazione di bevande alcoliche o analcoliche.

Spesso si sottovaluta che nelle bevande il ghiaccio viene direttamente ingerito e, nel caso in cui trattasi di ghiaccio NON COMMESTIBILE-NON ALIMENTARE, tutti i rischi collegati alla sua impurità vengono trasferiti direttamente nel fruitore finale.

Di fatto si è potuto riscontrare che l’uso del ghiaccio non alimentare non derivi da circostanze fraudolente, ma piuttosto da una non corretta informazione in merito.

Ad esempio non basta semplicemente considerare la potabilità dell’acqua in ingresso del macchinario per la produzione del ghiaccio: dalle analisi prodotte si riscontra che, sebbene l’acqua in entrata sia potabile, il ghiaccio una volta fuso e ritornato in forma liquida, non è più potabile divenendo di fatto illegale e non salubre. Ciò è certamente dovuto ad una errata manutenzione del macchinario che non viene sottoposto alle procedure conformi, come pulizia, manutenzione generica, sostituzione dei filtri e più in generale la corretta applicazione del manuale HACCP e della prassi di conservazione e somministrazione degli alimenti.

INDUSTRIE CERTIFICATE

Ipia
Ice3
Epia